Altre notizie (Reggio-Emilia)

Altre notizie (Venezia - Padova)

Home | Formazione artisti Mus-e Bologna

Formazione artisti Mus-e Bologna

20 Gennaio 2017

E' stata organizzata una giornata di lavoro e autoformazione a Bologna. Il programma ha previsto una giornata di lavoro sulla produzione artistica di ceramica RAKU condotto da Silvia Elmi.

Il 29 Ottobre 2016, all’interno degli spazi operosi della Bottega artigiana BACC, di Casalecchio, alcuni degli Artisti Mus-e hanno avuto modo di partecipare ad una giornata di scambio culturale impostata su di un singolo Tema: il Raku per sensibilizzare gli artisti al tema Share knowledge. Il termine Raku identifica, come sappiamo, una affascinante tecnica di lavorazione dell’Argilla di origine giapponese, nata in sintonia con lo spirito Zen, in grado di esaltare l’armonia plastica dei manufatti e la bellezza estetica nella semplicità e purezza delle forme. Una tecnica collegata direttamente alla Cerimonia del Tè, la quale sottende la condivisione di un Tempo di riflessione su di un qualsiasi Tema precedentemente prefissato: un’immagine pittorica, un haiku 575, un waka 57577, un aforisma, una sequenza cromatica. Al termine del Laboratorio i partecipanti hanno acquisito gli elementi base teorico pratici necessari sia per poter iniziare a cimentarsi nella realizzazione di propri manufatti realizzati attraverso la tecnica Raku, sia per poterne discutere in una sede deputata. Risultati importanti si otterranno con la pratica, la dedizione, l’approfondimento di una tecnica secolare, arcana e stupenda, complicata e complessa, che non ha ancora terminato di stupire lo sguardo critico dello stimatore assoluto del Bello Estetico. In ogni caso una esperienza importante, costruttiva, avvalorata dalla possibilità, in un futuro anteriore, di consentire l’espansione delle singole conoscenza attraverso la partecipazione ad altri incontri monotematici elaborati e condotti dagli Artisti Mus-e secondo le rispettive competenze creative. E come ha scritto Madame de Staël:” non ci sono che inizi!”. Silvia Elmi