Home | Mus-e Torino: l'arte educatore e il sistema dei fluidi di Remo Rostagno

Mus-e Torino: l'arte educatore e il sistema dei fluidi di Remo Rostagno

26 Marzo 2017

Bellissima esperienza formativa quella organizzata da Mus-e Torino con Remo Rostagno sabato 4 e domenica 5 marzo. Protagonista il lavoro sui fluidi: “l’universo si esprime fluidamente e solo un operatore che sappia andare «col flusso» delle cose può essere efficace nel proporsi agli altri, bambini o adulti che siano. Conoscere le qualità del nostro fluire continuo e del nostro trasformarci continuamente (…) ci arricchisce e ci fa sentire coerenti con tutto il mondo che ci circonda.” Sono parole di Remo Rostagno, danzatore contemporaneo in grandi compagnie europee e poi Boy-Mind Centering Practitioner, interessato cioè a percorsi che con il corpo hanno anche una portata terapeutica come il BMC appunto e il cranio-sacrale. “Diventare consapevoli di questi differenti ritmi che ci riempiono di significati e sottendono tutte le nostre emozioni” prosegue Rostagno “è di enorme aiuto per conoscerci e relazionarci con gli altri: la ricaduta derivante da questa pratica sul ruolo dell’educatore può aumentare la consapevolezza del corpo, la capacità di lettura del movimento, la propria plasticità, l'empatia verso l’altro, la voglia di giocare e di stare con il flusso delle cose.”

 

Grande soddisfazione della coordinatrice artistica di Mus-e Torino, Claudia Serra, così come dei tanti artisti partecipanti al seminario. Così Elena Barolo sintetizza, ad esempio, il laboratorio con Rostagno: “ha saputo trasmettere la sua grande esperienza e conoscenza con semplicità ed entusiasmo alternando fluidamente momenti più teorici ad  esperienze pratiche con il corpo. Ha fornito stimoli e strumenti per attraversare diverse densità corporee utili per entrare in relazione con gli altri nella libertà e nel non-giudizio. Ho sentito la sua ricerca vicina, affine a tante questioni che mi sono care nel lavoro con i bambini soprattutto dove ci sono situazioni difficili.” Ecco, questo dà il senso di come sia importante riuscire ad offrire al gruppo dei propri artisti una opportunità di formazione e crescita su tematiche che possono realmente influire sul lavoro che viene svolto in classe, tutti i giorni.